fbpx
Close

Gennaio 12, 2016

Aspettando le farchie

La Majella vista dai colli di Fara filiorum petri. Tra pochi giorni, il 16 gennaio, si rinnoverà il rito delle farchie, i grandi fasci di canne legati e tenuti assieme da rami di salice che vengono innalzati e incendiati come enormi torce. In questo momento i contradaioli sono al lavoro per onorare Sant’Antonio abate. Quest’anno però la festa è minacciata da una bufera di neve prevista proprio per sabato, giorno di accensione delle farchie. Anche se la foto allegata suggerisce un anticipo di primavera, l’inverno è in agguato.

[efb_likebox fanpage_url=”lucaspinogattiamm” box_width=”300″ box_height=”” locale=”it_IT” responsive=”0″ show_faces=”1″ show_stream=”0″ hide_cover=”0″ small_header=”0″ hide_cta=”0″ ]

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Open chat