Close

gennaio 12, 2016

Riti pagani nei pressi dell’Oppidum

Nella grotta Sant’Angelo di Palombaro, prima ancora che nel medioevo venisse costruita la chiesetta i cui ruderi sono ancora visibili (foto), vi si praticavano riti propiziatori di tipo pagano. E’ infatti noto che le grandi vasche di raccolta d’acqua, oggi asciutte, un tempo veicolavano l’acqua di una sorgente oggi scomparsa e si riteneva che quest’acqua avesse poteri magici. Infatti le puerpere, prima di partorire, vi si recavano dal vicino insediamento carricino di colle Ugni, per propiziare la lattazione, probabilmente bagnandosi con le acque della sorgente. Il candore del calcare della grotta o la solennità dell’ambiente avevano indotto i carricini a pensare che questo luogo avesse tale potere. Ancora oggi la grotta San’Angelo affascina per la sua grandiosità e luminosità, impreziosita dall’abside dell’elegante chiesetta rupestre.

Il 31 gennaio visiteremo in escursione questo interessante sito e il colle dove sorgeva l’oppidum, ovvero il centro fortificato del popolo italico dei carricini. Partecipa anche tu.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *