Close

Folkrore

La leggenda del popolo “figlio delle montagne”

Cosa hanno in comune il maiale, il mese di maggio e la Majella? Apparentemente nulla, tranne una certa similitudine nel prefisso ma-. In realtà hanno un’etimologia comune: Maja, la dea della fecondità per i romani. Fecondità non solo femminile, ma anche della natura, e del suo risveglio, la primavera. Ecco che maggio, il mese di […]

Leggi Ancora

I Mazzmarell e il mondo fantastico nella narrazione orale

Le storie sono la ricostruzione dei fatti o la costruzione della fantasia, a volte le due cose, mescolate tra loro. Nella tradizione orale noi bambini di una certa età, ricordiamo storie di santi, demoni, folletti, streghe e maghi. Quasi fuoriusciti da un romanzo di Tolkien questi personaggi permeavano l’immaginazione, suggestionando la mente in un viaggio […]

Leggi Ancora

Le radici dell’Abruzzo affondano nelle viscere dei monti

Chi erano i nostri antenati? Come vivevano? Che lingua parlavano? Quali erano i loro usi e costumi? Sono alcune delle domande a cui risponderemo nel prossimo fine settimana. Andremo infatti alla scoperta di due luoghi dove l’uomo antico sopravviveva e muoveva i primi passi verso la religione, l’arte e la politica. L’area della Majella, abitata […]

Leggi Ancora

Non solo Fara

Oltre alla nota festa a Fara filiorum petri, anche a Casacanditella, comune limitrofo, la sera del 16 gennaio si accendono le farchie in onore di Sant’Antonio abate. Questa sera, sotto la nevicata, le farchie hanno preso fuoco rinnovando la memoria del miracolo occorso nel 1799. Si narra infatti, che all’arrivo delle truppe francesi, Sant’Antonio apparve […]

Leggi Ancora

Aspettando le farchie

La Majella vista dai colli di Fara filiorum petri. Tra pochi giorni, il 16 gennaio, si rinnoverà il rito delle farchie, i grandi fasci di canne legati e tenuti assieme da rami di salice che vengono innalzati e incendiati come enormi torce. In questo momento i contradaioli sono al lavoro per onorare Sant’Antonio abate. Quest’anno […]

Leggi Ancora